Perché i fascisti, gli autoritari e i teocrati sono i nemici della libertà riproduttiva

Clicca per vedere gli articoli pubblicati

Traduzione dell’articolo Why Fascists, Authoritarians, and Theocrats Are the Enemies of Reproductive Freedom

Un resoconto di un intervento e di una mobilitazione autonoma nella cosiddetta Asheville, nella Carolina del Nord, ed una copia di un testo che è stato distribuito.

La sera di martedì 3 maggio, centinaia di membri della comunità della cosiddetta Asheville, NC, hanno partecipato a una manifestazione d’emergenza in risposta all’imminente decisione della Corte Suprema degli Stati Uniti di rovesciare la sentenza Roe v Wade. La copertura mediatica della manifestazione è disponibile qui.

Notizie da Asheville: su autoritari e aborti
Il materiale promozionale dell’evento, organizzato dal Partito per il Socialismo e la Liberazione (PSL), presentava un linguaggio quasi identico a quello di altri eventi del partito che si svolgono in tutto il Paese. L’inquadramento trans-esclusivo di una “guerra alle donne” ha immediatamente generato obiezioni sui social media della sezione locale; durante uno scambio pubblico su Instagram, un organizzatore del PSL ha suggerito che le persone trans sono “danni collaterali” e ha ammonito che l’essere “inclusivi” sarebbe “arrivato a spese del decentramento delle donne dalla loro lotta” (un’affermazione allarmantemente male informata che riflette una mancanza di impegno con la teoria o la pratica della giustizia riproduttiva). I commenti sono stati successivamente rimossi, ma in risposta un gruppo di organizzazioni locali trans-inclusive – tra cui Mountain Area Abortion Doula Collective, We Keep Us Safe, OYE Collective, Asheville for Justice, Asheville Socialist Rifle Association, Hellbender e Firestorm Books – ha deciso di organizzare il proprio “Abortion Resource & Info Popup”. Questo popup si è svolto parallelamente alla manifestazione del PSL nel Pritchard Park del centro di Asheville.

Le dimensioni della folla hanno reso i due eventi indistinguibili e i partecipanti alla manifestazione hanno preso il microfono più volte senza incidenti. Ma un numero crescente di attivisti di Asheville sta esprimendo frustrazione per lo spazio occupato dal PSL e per la storia dell’organizzazione che afferma la propria leadership in aree in cui non ha alcuna competenza e non si occupa di organizzazione comunitaria. Per informare i partecipanti alla manifestazione sul PSL, gli anarchici hanno distribuito un volantino intitolato “Perché i fascisti, gli autoritari e i teocrati sono nemici della libertà riproduttiva”. Durante e dopo l’evento abbiamo potuto consegnare il materiale direttamente alle persone che venivano reclutate, persone che probabilmente non avevano idea che il PSL è un’organizzazione stalinista che opera in modi antitetici alla liberazione.
Mentre distribuivamo i nostri volantini, abbiamo chiesto ai partecipanti al raduno se fossero a conoscenza del fatto che Stalin avesse vietato l’aborto: la maggior parte non lo sapeva. Alla stessa domanda, un membro del PSL ha risposto semplicemente: “È un peccato”.

Perché i fascisti, gli autoritari e i teocrati sono i nemici della libertà riproduttiva

A poche ore dalla pubblicazione della decisione della Corte Suprema degli Stati Uniti che annulla le protezioni costituzionali per l’aborto, sono state annunciate proteste nelle città di tutti i cosiddetti Stati Uniti. Molti di questi appelli all’azione sono stati lanciati dal Partito per il Socialismo e la Liberazione (PSL), un’organizzazione politica neo-stalinista tristemente nota per le sue posizioni aberranti e per i suoi tentativi di dirottare i movimenti sociali di base. [1] Qual è dunque il rapporto tra autoritarismo e libertà riproduttiva?

Sebbene gran parte del “dibattito sull’aborto” negli Stati Uniti sia incentrato sulla religiosità, i tentativi legislativi di obbligare il parto sono sempre stati guidati dall’economia. I governi considerano la gravidanza non come una scelta individuale, ma come il meccanismo con cui la società produce futuri lavoratori e contribuenti. Quando il calo delle nascite portò il leader sovietico Joseph Stalin a vietare l’aborto nel 1936, fu chiaro: la maternità obbligatoria era “un grande e onorevole dovere” che non era “un affare privato ma di grande importanza sociale”.
Un discorso così esplicito sul sacrificio individuale potrebbe non piacere al pubblico statunitense, ma l’ansia per il calo dei tassi di natalità (e in particolare dei tassi di natalità dei bianchi) è la parte silenziosa che i politici di tanto in tanto dicono ad alta voce. A metà degli anni ’70, quando il tasso di natalità iniziò a diminuire, emerse una nuova coalizione all’incrocio tra supremazia bianca, patriarcato e cristianesimo. Proprio come i pianificatori sovietici avevano capito che la capacità economica della nazione era legata alla popolazione, i capitalisti vedevano in una cittadinanza ridotta e invecchiata una minaccia ai loro profitti e alla capacità di portare avanti guerre imperialiste all’estero. I “valori della famiglia”, quindi, non riguardano tanto la moralità quanto il ruolo centrale della famiglia eterosessuale nella riproduzione della forza lavoro e nell’imprimere i valori dello Stato patriarcale, sia esso capitalista o socialista.

La lotta per la libertà riproduttiva è una lotta tra il nostro desiderio di autonomia corporea e il desiderio di controllo dello Stato.

I divieti sull’aborto domestico mirano a promuovere il benessere economico delle élite a scapito della sopravvivenza delle persone della classe operaia, in particolare delle donne BIPOC (Black, Indigenous and People of Color) e delle persone trans che hanno meno accesso alla ricchezza e una maggiore vulnerabilità alle conseguenze legali (conseguenze che sono tutt’altro che assenti per le stesse élite). Che sia per arricchimento privato o per ambizione nazionale, dobbiamo respingere gli attacchi alla nostra libertà più fondamentale: la libertà di fare scelte sul nostro corpo.

I governi non possono concederci l’autonomia corporea, possono solo togliercela. Nessun politico o partito è qualificato per guidare questa lotta, tanto meno un’organizzazione come il PSL che ha dimostrato di essere pronta ad allearsi con gli elementi politici più reazionari e patriarcali. Come le loro controparti fasciste e teocratiche, gli autoritari di sinistra non sono amici della nostra libertà.

Nonostante l’affermazione del giudice Alito secondo cui “l’aborto non è profondamente radicato nella storia e nelle tradizioni della nazione”, l’assistenza all’aborto è precedente allo Stato coloniale che egli serve e persisterà a lungo dopo il suo sgretolamento. Un’azione efficace richiede di conoscere questa storia e di distinguere tra coloro che ne incarnano l’eredità e coloro che cercano di sfruttarla. In tutto il Paese, fondi abortisti di base e organizzazioni di mutuo soccorso stanno già combattendo e creando infrastrutture per una realtà post-Roe. Speriamo che vi uniate a loro!

Mountain Area Abortion Doula Collective – mtnabortiondoula.co
National Network of Abortion Funds – abortionfunds.org
Abortion Resource Kit – tinyurl.com/AbortionResourceKit
Abortion Pills Online – plancpills.org
Shout Your Abortion – shoutyourabortion.com

Nota
[1] Il PSL si schiera costantemente con gli autoritari “antimperialisti” e contro i movimenti per il potere dei lavoratori o i diritti democratici. Negli ultimi anni, ciò ha incluso il sostegno a Bashar al-Assad, Kim Jong-un e Vladimir Putin. È ben documentato che i leader del partito hanno negato genocidi, collaborato con i fascisti e cospirato per coprire gli abusi sessuali all’interno del loro partito.

Questa voce è stata pubblicata in Articoli e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.