Vedi Minsk e muori. Come le imprese bielorusse vendono i rifugiati – Seconda Parte

Prima Parte

 

Il console e le linee d’ombra
Non abbiamo prove che tutti i passeggeri dei voli Fly Baghdad e Iraqi Airways fossero migranti. Certamente, però, molti hanno accettato la loro offerta.
Troviamo tracce di un’altra compagnia aerea, la siriana Cham Wings – anch’essa legata al console, il cui agente bielorusso a Minsk era la società di Al-Qaysi.

La flotta di Cham Wings conta solo tre aerei; i suoi proprietari sono persone vicine al presidente siriano Bashir Al-Assad. L’azienda era già stata sanzionata dagli Stati Uniti cinque anni fa per il trasporto di armi. Secondo Reuters, ha anche noleggiato voli che trasportavano in Siria mercenari russi del cosiddetto Gruppo Wagner.

Autore/Autrice: Filip Wesołowski, Julia Karwan-Jastrzębska

È proprio Cham Wings che accettava le prenotazioni di viaggi di gruppo organizzati dai trafficanti di persone nel 2021. E – secondo i documenti trovati nella foresta polacca – la Cham Wings ha fatto volare un gruppo di persone da Beirut per delle presunte battute di caccia [organizzate] dal Gruppo Belir.

Da Settembre, gli aerei della Cham Wings hanno effettuato almeno 29 voli da Damasco a Minsk. La maggior parte [di questi voli sono avvenuti] due settimane prima che la crisi al confine si aggravasse, culminando nei disordini al valico di Kuźnicy.
Il 13 novembre – il giorno dopo la sospensione di Al-Qaysi dalla carica di console onorario in Iraq – Cham Wings ha sospeso i voli per Minsk. [3]

Un viaggio con finale in ospedale
Sappiamo già che il Gruppo Belir non è comparso per caso nel business del trasporto di persone mediorientali – lavora con Fly Baghdad e Cham Wings. Il suo comproprietario è allineato con il regime di Lukashenko e ne rappresenta gli interessi a Baghdad.

Tra i documenti trovati nella foresta c’è la lista dei passeggeri di un volo Cham Wings da Beirut a Damasco dell’Ottobre 2021. Il registro dei passeggeri: 51 persone con nomi arabi. Un altro documento è un elenco della sistemazione degli ospiti di un hotel di Minsk. Sono gli stessi 51 nomi più altri sette. In teoria, nell’hotel di Minsk sono finite 58 persone, esattamente il numero concordato dalla società del console che ha organizzato la caccia fittizia.

Autori del grafico: Filip Wesołowski, Julia Karwan-Jastrzębska

 

I documenti [trovati] non sono completi e il percorso delle persone migranti non è chiaro. Quale rotta hanno preso da Beirut? Come hanno raggiunto Minsk? Cosa è successo dopo? Come sono finiti questi documenti del [suddetto] gruppo in Polonia, proprio sul confine [bielorusso]?

I documenti sono stati ritrovati nei giorni in cui le persone – menzionate in essi – dovevano visitare il Museo della cultura bielorussa antica o il Museo nazionale d’arte con una guida.

Abbiamo chiesto alle organizzazioni umanitarie di aiutarci a trovare alcuni dei nomi presenti nell’elenco dei passeggeri. Queste ci hanno permesso di raggiungere Raed Yasera Sroura, uno dei partecipanti al presunto tour. Alla fine di ottobre, Raed, 37 anni, siriano, è stato portato al pronto soccorso dell’ospedale di Hajnówka. Era estremamente indebolito ed era stato morso dai dei cani.

Chi [aizza] i cani [contro] le persone?
Raed conferma che il suo nome è sulle liste dei passeggeri e degli ospiti dell’hotel di Minsk. E che fin dall’inizio il viaggio in Bielorussia non era a scopo turistico: “Ho pagato un intermediario per portarmi in Bielorussia e passare dalla Polonia per poi [arrivare] in Europa occidentale”, racconta Raed. Conferma di essere stato ferito durante l’attraversamento del confine.

Verifichiamo la sua testimonianza con le cartelle cliniche e le informazioni della “Straży Granicznej” (SG) (guardia di frontiera polacca, ndt). La scheda medica di Raed mostra che è stato ricoverato in chirurgia il 29 ottobre a causa di “ferite multiple infette da morso nella zona del cuoio capelluto”. In parole povere, morsi di cane.

Il Centro di registrazione degli stranieri di Połowcach gestito dalla SG, descrive quanto segue le circostanze della detenzione di Raed: “È stato accertato che il 29 ottobre 2021 il suddetto straniero è stato scoperto ad una distanza di 900 metri dal confine di Stato (…). Lo straniero aveva attraversato illegalmente il confine di Stato nel posto di frontiera numero 274, dalla Repubblica di Bielorussia alla Repubblica di Polonia, in un luogo non autorizzato e senza documenti che lo autorizzassero ad attraversare il confine (…) a causa delle sue cattive condizioni di salute e delle ferite da taglio sul corpo, causate dall’attraversamento della recinzione di confine, è stato portato all’SPZOZ [4] di Hajnówka.”

La nota del SG descrive le ferite dell’uomo come “causate dall’attraversamento della recinzione di confine”. Ma nei documenti dell’ospedale è scritto chiaramente che è stato morso da un cane. Perché questa differenza?

Nomadi provenienti da Beirut
Raed lascia l’ospedale il 3 novembre. Finisce in un centro ONG semi-aperto a Bialystok. Riusciamo a incontrarlo. In totale abbiamo due conversazioni: una faccia a faccia, l’altra al telefono tramite un interprete arabo.

Raed Srour racconta: “Vengo da Daraa, dove è iniziata la rivolta contro Assad. Sono apolitico, ma a causa del luogo in cui sono nato, nel 2016 sono stato arrestato per un mese. Sono stato picchiato e torturato. Tutti gli abitanti di Daraa sono sospetti per gli uomini di Assad. Dopo essere stato rilasciato, sono andato a Beirut. Lavoravo in nero e vivevo con la mia famiglia in una cantina della fabbrica. Nel 2021 ho deciso di emigrare in Europa.”

Sul confine bielorusso-polacco. Fonte: Karol Grygoruk / RATS Agency

In Libano, un Paese colpito da un’enorme crisi umanitaria ed economica, un residente su cinque è un rifugiato proveniente dalla Siria. Non mancano coloro che sono disposti a volare in Europa. Spingere le persone verso l’Europa piace anche al governo libanese, che è responsabile del mantenimento delle persone rifugiate. In molti casi, la partenza comporta la scadenza o la revoca dei permessi di soggiorno, poiché sui passaporti è apposto il divieto di rientro.

La corruzione nel sistema hawala
Raed racconta di aver contattato il contrabbandiere solo per telefono, utilizzando WhatsApp. Il contrabbandiere era un curdo che si è presentato come Abu Jahia. L’uomo non lo aveva mai visto, non lo aveva mai incontrato.

Il prezzo del contrabbando? 4,5 mila dollari per raggiungere Minsk. E altri 2.500 dollari per il viaggio da Minsk all’Europa. Il denaro doveva essere depositato presso un’agenzia di viaggi turca.

L’ufficio era molto probabilmente quello dei cosiddetti hawaladar. Presso gli uffici degli hawaladar, le persone migranti pagano il viaggio e il deposito, incluso nel prezzo, viene versato al contrabbandiere al momento della conferma del raggiungimento della destinazione.
Solo la commissione viene pagata ai contrabbandieri attraverso il sistema hawala; agli hawaladar viene data una parte della cifra [estorta alle persone migranti] per l’intermediazione. La maggior parte dei profitti del contrabbando va ancora altrove. [5]

Ma sentiamo di più da Raed:

“Siamo partiti il 20 ottobre con un volo Cham Wings da Beirut a Minsk. All’aeroporto ci aspettava un arabo come concordato dai contrabbandieri. Ha portato un gruppo di 20-25 persone, alcune delle quali donne e bambini, all’hotel Minsk o Belarus”. Raed non era sicuro del nome, dai documenti sembra essere l’hotel Belarus. “Abbiamo trascorso una notte in hotel. Il 21 ottobre ci è stato detto di scendere davanti all’hotel. Due auto con autisti bielorussi ci stavano aspettando lì. Ci siamo riuniti in otto e il viaggio è durato quattro-cinque ore. Siamo usciti in una foresta. Gli autisti ci hanno indicato di proseguire a piedi. Siamo stati guidati da Abu Jahia al telefono. Abbiamo raggiunto il confine dove la recinzione era stata tagliata. Si supponeva che un’auto fosse in attesa oltre il confine, ma non siamo riusciti a trovarla. Abu Jahia ci ha dato istruzioni al telefono, ma noi abbiamo vagato per tre giorni. Alla fine siamo arrivati a una grande strada.”

Un agente tira fuori il manganello
A questo punto, una jeep avrebbe dovuto attendere il gruppo, ma Raed e le altre persone rifugiate non l’hanno raggiunta. Sono stati fermati dalla polizia polacca. Poco dopo sono arrivate delle auto e un furgone della polizia: “Un agente è uscito dall’auto e ci ha picchiato con un manganello. Tutti sono stati colpiti, tranne due donne. Ci hanno portato via le valigie e i telefoni. L’intero gruppo è stato portato alla frontiera. Siamo stati scaricati in una striscia di terra di nessuno [molto probabilmente sono stati spinti attraverso le recinzioni in territorio bielorusso – ndr]. Solo i telefoni ci sono stati restituiti. Siamo tornati in Bielorussia. Abbiamo camminato per diverse ore. Siamo stati trasportati in un altro punto. Con un gruppo di 40-50 persone dovevamo riattraversare il confine nel punto indicato dai bielorussi. Di nuovo abbiamo incontrato la Guardia di frontiera – cani, cavalli, droni. In totale, ho provato [ad attraversare] tre volte.”

Al terzo tentativo – vicino al punto di confine n. 274, nei boschi tra Czeremcha e la Foresta di Białowieża -, [Raed] è riuscito ad attraversare il confine e a percorrere quasi un chilometro prima che le guardie di frontiera lo prendessero. Si è impigliato in qualcosa ed è caduto: “Mentre ero a terra, il cane ha iniziato a mordermi sulla testa. Il cane apparteneva alla Guardia di frontiera o alla polizia polacca. Agenti mascherati, armati, ci hanno attaccato con i cani. Anche un altro uomo del mio gruppo è stato morso. La sua mano era gravemente ferita.”

Il numero 24 racconta
Raed ha perso conoscenza. L’hanno portato in ospedale. Non aveva un telefono e non sapeva cosa fosse successo al resto dei suoi compagni.

Siamo riusciti a rintracciare la famiglia di un altro rifugiato che è finito in ospedale con Raed. È Saleh, il cugino di Raed. Da un’e-mail inviata dal traduttore di Saleh a un’organizzazione umanitaria, apprendiamo la sorte di altri cinque partecipanti al viaggio bielorusso:

“Ho parlato con una donna siriana che vive a B. (…) Secondo lei (…) una piccola parte di loro è stata presa oggi dalla Guardia di frontiera polacca; suo fratello e suo cugino [Raed – ndr] sono stati morsi dai cani, quindi sono stati portati in un ospedale polacco (…), poi suo fratello è stato preso dalla polizia e portato da lì nella foresta. Suo cugino è ancora in ospedale con ferite alla testa. Ma entrambi hanno perso i contatti con il coniuge e il figlio. Le donne non hanno telefoni, sono rimaste traumatizzate nella foresta dopo l’attacco dei servizi polacchi.”

Sul confine bielorusso-polacco. Fonte: Karol Grygoruk / RATS Agency

La maggior parte del gruppo, nonostante la drammatica traversata, raggiunge la Germania nei primi giorni di novembre. Raed viene portato in ospedale per le sue gravi condizioni. Un parente che vive in Germania gli ha fornito un telefono.

Un altro racconto del rifugiato siriano: “Sono stato portato fuori dall’ospedale dalle guardie di frontiera. Sono stato chiuso in una stanza per diverse ore. Mi hanno spogliato. Sono stato perquisito in modo umiliante. Poi sono stato messo in un hangar con un gruppo di curdi. Non c’erano interpreti. Il personale non riusciva a comunicare con i detenuti. A tutti è stato assegnato un numero: io ero il numero 24. Infine, sono stato interrogato con l’aiuto dell’interprete Ahmed Habbas e mi sono state prese le impronte digitali. Mi è stato chiesto di confermare che ero stato morso da cani randagi. Mi sono rifiutato.”

Caccia? Sì, ma sarete voi la preda
Dopo alcuni giorni alla stazione della Guardia di frontiera e un soggiorno nel centro in cui abbiamo parlato con lui, Raed si dirige da solo verso l’Occidente.

I 7.000 dollari che ha pagato agli hawaladar turchi per il viaggio in Europa corrispondono, all’incirca, a quanto gli sarebbe costato sparare a un daino e a un giovane cervo nel listino prezzi della caccia trovati nella foresta. I giorni che, secondo l’itinerario avrebbe dovuto trascorrere a caccia nel resort Biełyj Łoś e nella fattoria di caccia Neman, li ha trascorsi inseguito dalla Guardia di frontiera e spinto da polacchi e bielorussi su una recinzione di filo spinato, finendo in ospedale.

Se ognuna delle 58 persone che hanno partecipato alla caccia fittizia organizzata dal Gruppo Belir ha pagato l’equivalente dell’abbattimento di un daino e di un cervo per il viaggio – come abbiamo appreso dai documenti trovati -, deve aver fatto guadagnare agli organizzatori una somma pari a 406 mila dollari.

Questo prezzo (7.000 dollari procapite, ndt) tiene conto del pagamento del visto, della commissione per il contrabbandiere Abu Jahia e per le guide, della commissione per l’ufficio hawala, del posto sull’aereo Cham Wings, dell’alloggio in un hotel bielorusso e del trasporto fino al confine e di un’auto sul lato polacco del confine. Il Gruppo Belir può dividere l’eccedenza tra sé e l’azienda agricola statale Biełyj Łoś sulla base del listino prezzi della caccia fittizia.

La vittima del Gruppo Belir
Il 28 ottobre, Shiyar, un siriano di 37 anni, viene ritrovato nella foresta di Bialowieza, quasi al confine con la Bielorussia. Il resto del gruppo lo ha abbandonato da solo nella foresta quando non è riuscito più ad andare avanti; al momento del ritrovamento, non aveva mangiato o bevuto per quattro giorni.

È un’altra vittima delle attività del Gruppo Belir: è stato anche coinvolto nella caccia fittizia per 58 persone. Si è occupato delle formalità a Beirut. L’intermediario era una società chiamata Cham Wings, che faceva pubblicità su Facebook. Per 4.000 dollari, il rifugiato avrebbe ottenuto un visto, una sistemazione in un albergo in Bielorussia, un biglietto aereo, un’assicurazione. Alla Cham Wings ha lasciato il passaporto e due foto. Dopo 10 giorni ha ottenuto il visto.

Il 20 ottobre ha preso un volo da Beirut a Minsk. Nella capitale bielorussa, un autobus ha aspettato il suo gruppo. Circa 40 passeggeri sono saliti a bordo e si sono recati in albergo. Non si trattava di caccia o di visite turistiche. Il siriano voleva raggiungere l’Europa occidentale. Aveva depositato il denaro per il viaggio di ritorno (2.500 dollari) in un ufficio di Istanbul. Dovevano essere prelevati tramite un codice.

Il 24 ottobre, il suo gruppo è partito dall’hotel (12 persone in tre auto). Il loro “coordinatore” via WhatsApp è il contrabbandiere Abu Hur. Hanno guidato per 4-5 ore verso Brest. Gli autisti hanno raccolto 100 dollari da ciascuno, dicendo loro di andare verso il confine. Abu Hur ha dato delle indicazioni col GPS.

Nella foresta, Shiyar, disperato, ha deciso di ritirare il denaro lasciato nell’ufficio di Istanbul e ha chiesto ad un amico di farlo. Poi il resto del gruppo lo ha abbandonato e lui iniziava ad andare oltre la foresta con un migrante. Hanno tentato di superare una recinzione. Alla fine, i bielorussi gli hanno indicato il punto in cui guadare il confine. [I due] hanno vagato per tre giorni sul versante polacco. Nelle paludi, Shiyar perde le forze ed è convinto di morire. Viene soccorso dalla gente del posto e trasportato su una barella fino all’ambulanza. Viene portato all’ospedale di Hajnówka. Lì incontra Raed. Dopo aver lasciato l’ospedale, lascia la Polonia per l’Occidente.

I suoi compagni, che lo hanno abbandonato quando ha voluto ritirare il denaro, hanno continuato [a camminare]. Probabilmente hanno raggiunto l’autobus senza troppi problemi. Il contrabbandiere che li guidava sulla strada per Narewka – a soli cinque chilometri di distanza dalla foresta -, ha fatto cadere un fascio di documenti mentre correva verso l’auto. Questa storia è iniziata così.

Majid dice: tornatevene [indietro]
La storia di Raed e il destino degli altri viaggiatori sono drammatici. Abbiamo chiesto alla Guardia di frontiera polacca di commentare se i cani sono stati usati per attaccare i rifugiati: “La Guardia di frontiera ha il diritto di fornire informazioni su persone specifiche solo alle autorità autorizzate e alle parti coinvolte in procedimenti legali. La Guardia di frontiera possiede dei cani, utilizzati per la protezione delle frontiere”.

Non siamo in grado di verificare i dettagli del racconto di Raed sullo svolgimento dell’incontro con i servizi polacchi. Ma grazie ai documenti ritrovati nella foresta, sappiamo che l’intera impresa del Gruppo Belir era, fin dall’inizio, orientata verso l’Occidente. I migranti hanno semplicemente pagato i contrabbandieri per attraversare illegalmente il confine. Nessuno voleva visitare Minsk, fare shopping, andare all’acquapark o andare a caccia di alci.

Uno di quelli che ne hanno tratto profitto è Majid Al-Qaysi, uomo d’affari, console onorario della Bielorussia a Baghdad, sostenitore di Lukashenko e amico dei ministri del suo governo.

Avremmo voluto confrontare i nostri risultati con i proprietari del Gruppo Belir, ma non hanno risposto alle nostre richieste. Abbiamo posto a Olga Oskirko domande sul contrabbando di persone per iscritto. Abbiamo chiesto perché le persone che il Gruppo Belir invita a fare battute di caccia ed escursioni in Bielorussia si ritrovano ferite sul lato polacco del confine? La società che gestisce con Majid Al-Quaysi è coinvolta nel traffico di persone dal Medio Oriente? Perché i documenti della loro azienda sono finiti nella foresta del versante polacco? Stanno organizzando il traffico di persone con il permesso delle autorità bielorusse?

Non abbiamo ricevuto risposta.

Alla fine di novembre, Majid Al-Qaysi ha fatto un’altra apparizione pubblica. In un’apparizione sul canale televisivo curdo NRT, ha lanciato un appello ai rifugiati del Kurdistan affinché lascino la Bielorussia.

Ha spiegato che la Bielorussia non è in grado di fornire del cibo nei campi al confine.

Questa voce è stata pubblicata in Articoli e contrassegnata con . Contrassegna il permalink.